mercoledì 3 ottobre 2012

Questa, è la mia.


Questa è la mia.


Difficoltà mi colse
quando spaiato volli,
col verbo,
plasmare il siffatto legame,
tra l'uomo normale
e la (D)onna sua regale.

Inebriante è il profumo,
ansante è il respiro,
di tanti momenti
è il mio taccuino.

Funesta la sete
mai paga la fonte
.
Tra i fuscelli,
rovente,  la via mi confonde.
Allorché  dotto in pazzia,
borioso sentenzio: 

Questa, è la mia.


M.
(L'uomo dei difetti...)


[Post Scriptum]

Tempo di ricordi...
Mi fa piacere riproporre una riflessione in versi che scrissi parecchi anni or sono dedicandola ad una importante (D)onna della mia vita.
Mi accorsi solo poi che in realtà, ella, non li comprese mai fino in fondo.
Ma che importa -
mi dissi. Era così appagante vederla lusingata, felice, e con quel sorrisetto a metà strada tra l'ingenuo e il malizioso...
In fin dei conti, anche io, tante sue manie non le avevo capite.
E vedendo poi come è andata, probabilmente, non le capirò mai...

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi!
Lascia il tuo commento, e ti risponderò al più presto!