martedì 21 luglio 2015

Il gelo divise ciò che il cuore mai spazzò.

L'arcano Cavaliere e la Fanciulla


   E così come dalla corrente che fu d’Agulhas 
guizzò fiero il solitone,
così il vento che dell’altro ne fu il trespolo,
subitaneo, soffiò stanotte…


   Perché se è vero che l’uno rifugge l’altro per l’onor d’un rigore,
e d’una carta che canta… Allora,
sulla frequenza io già accordato,
attendo e mi domando cosa mai intonerà
allorquando quel cremisi che pulsando impazza,
annegherà in lucciconi,
terre, lembi, e quel fido rigore…
E al cuor non basta l’ammucchiar figure che a un tempo narravano la gioia del leccarsi al tramonto. 

Ferite vere, e ricercati giacché scarlatti voluttuosi rivoli…

   E benché a tono di chiusura quanto la ragion sussurra…
Ciò che col gelo il pavido divise,
l’arroventato cuore,
risorgendo, mai spazzò… 

E di questo, oggi ne son certo,
quella carta, salmodiando, narrò…




M.
(L'uomo dei difetti...)

2 commenti:

  1. E' una musica sublime... Leggendo, si ha la precisa sensazione di essere la Poesia... Grazie...

    RispondiElimina
  2. Tutto ciò avviene perché hai un animo sensibile... Il piacere di certi versi può esser colto solo da "un orecchio accordato".

    Come sempre Ti ringrazio di cuore per aver colto l'essenza, tra le righe...

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi!
Lascia il tuo commento, e ti risponderò al più presto!